"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust

Giacomo Balla (1871 - 1958). R
5697    arte    

Giacomo Balla (1871 - 1958). Roma, De Luca editore, 1972.

Cm. 24 x 21,5; brossura; pagine 198, più (134) non numerate con riproduzioni in bianco nero. Catalogo della mostra a cura di Giorgio De Marchis, autore del saggio introduttivo. Interessante prefazione di Palma Bucarelli che presentò la mostra con grande coraggio per quegli anni a ridosso del '68. “L'incompiutezza dell'opera, il suo procedere simultaneamente in più direzioni mi sembra proprio il suo carattere più intenzionale e significativo, la ragione stessa della sua straordinaria attualità a distanza di tempo e, ciò che più conta, in un momento come questo, in cui il problema dell'arte non riguarda più l'indirizzo programmatico o ideologico, ma l'esistenza stessa dell'opera d'arte come oggetto.” (pagina 7)
60,00 €