"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust

PANNAGGI, Ivo. Bauhaus.  Recan
4794    arte    

PANNAGGI, Ivo. Bauhaus. Recanati, Micheloni editore, 1979.

Cm. 24; brossura edit.; sopracoperta; pp. 61, (5) con illustrazioni in bianco nero. Copertina e regia tipografica di Ivo Pannaggi. Presentazione di Giuseppe Galli. Storia del Bauhaus dell'architetto Pannaggi, che iniziò come artista futurista, legato alle manifestazioni della Casa d'Arte Bragaglia di Roma. Andò in Germania nel '27 e frequentò l'Istituto di Dessau, fino a quando i nazisti lo chiusero nel 1933. Nel giugno del 1930, organizzò a Krefeld una mostra d'arte italiana contemporanea con opere proprie, di Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Giorgio De Chirico, Giorgio Morandi, Gerardo Dottori e Gino Severini, destando l'ammirazione della critica tedesca. In quegli anni incontrò Gropius, Kandinski, Otti Berger, Hilberseimer ed altri. Vedi, TONI, Anna Caterina. L'attività artistica di Ivo Pannaggi nel periodo giovanile (1921-1926). Pollenza Macerata 1976, pag. 173.
50,00 €