"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust

COCTEAU, Jean. Canto fermo. Ve
5165    letteratura    

COCTEAU, Jean. Canto fermo. Venezia, Edizioni del Cavallino, 1944.

Cm. 25; legatura edit.; fascetta: “magia e confessioni di Cocteau con sei ritratti dell'autore...”; pagine 99, (9) più alcune tavole illustrate in nero, fuori testo, con un autoritratto del Poeta. Raccolta tratta da Poésies (1920), Vocabulaire (1922), Plain-chant (1923) e Opéra (1926), traduzione di Marco Lombardi. Edizione numerata in duemila esemplari su carta Verona stampata a cura di Carlo Cardazzo, copia n. 1530. Vedi, G. Bianchi, Un Cavallino come logo, Venezia 2006, p. 173.
90,00 €