"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust


03/03/2011 Fabio Mauri mostra a Trieste

TRIESTE
DAL 3 DICEMBRE 2010 AL 27 FEBBRAIO 2011
ALLE SCUDERIE DEL CASTELLO DI MIRAMARE
LA MOSTRA
FABIO MAURI.
Un sognatore della ragione



L’esposizione presenta 9 grandi installazioni, tra le più importanti mai realizzate dall’artista romano, come Linguaggio è guerra del 1975, I numeri malefici del 1978, Cina ASIA Nuova del 1996 e Rebibbia del 2006.


Dal 3 dicembre 2010 al 27 febbraio 2011, alle Scuderie del Castello di Miramare di Trieste si tiene la mostra, in omaggio a Fabio Mauri (1926-2009),
Un sognatore della ragione che presenta una serie di grandi installazioni, tra cui opere storiche quali Linguaggio è guerra del 1975, I numeri malefici del 1978, oltre alla più recenti Cina ASIA Nuova, 1996 e Rebibbia del 2006.

L’iniziativa, curata da Roberto Alberton e Studio Fabio Mauri (associazione per l’arte Esperimento del mondo), organizzata da Tadino Arte Contemporanea in collaborazione con la Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia, è parte del progetto Dalla Metafisica all’Arte che, fino al 27 febbraio 2011, vedrà le Scuderie del Castello di Miramare, ospitare anche l’esposizione che racconta il percorso creativo di Giorgio de Chirico (Volos, 1888 - Roma, 1978).

L’esposizione riveste un grande significato simbolico, tenendosi nella città in cui si trovava la Risiera di San Sabba, un lager nazista, l’unico in Italia ad avere un forno crematorio, utilizzato per il transito, la detenzione e l'eliminazione di un gran numero di detenuti, prevalentemente prigionieri politici.
La giovinezza di Mauri, infatti, è stata profondamente segnata dalle vicende del Fascismo e della seconda guerra mondiale, in un paese dilaniato, dove molti amici e compagni scomparvero nel gorgo del conflitto e dei campi di sterminio.

Tutta la poetica di Mauri, di altissimo valore etico ed estetico, si muove come in un flusso ininterrotto di immagini che dallo “schermo” della storia avvolgono lo spettatore. Non a caso le prime opere di Mauri, verso la fine degli anni ’50, sono tele monocrome, per lo più bianche, a volte increspate, chiamate appunto Schermi. Lo ‘schermo’ non è la ricerca di uno spazio pittorico puro nel quale lasciare la propria impronta, ma è inteso come una scatola magica, una sorta di monitor della storia. Per Mauri, nei primi anni ’50, la ‘Storia’ è quella della seconda guerra mondiale, ancora presente e attuale in lui, tragica parafrasi dell’esistere, da cui trarre grandiose immagini, come il famoso Muro occidentale o del Pianto, una delle sue opere più importanti e conosciute, composto da un gran numero di valigie e bauli degli anni ’30 e ’40, che recano etichette di viaggi, hotel, proprietari, memorie di vite passate ma che riacquistano una drammatica presenza.
O come il ‘muro’ di moderne valigie di metallo costruite in Asia, che nell’opera Cina ASIA Nuova serve da schermo per riproporre i fatti di Piazza Tienanmen a Pechino e le successive esecuzioni. O ancora, Rebibbia, grande cassettiera del vecchio carcere di Rebibbia a Roma in cui venivano custoditi gli oggetti personali di chi entrava in carcere, su cui Mauri proietta un filmato, come se la storia prendesse nuovamente corpo e forma.
Come diceva lo stesso Mauri, “Che cosa è l’arte non lo so dire, ma che cos’è un’opera d’arte sì. È un luogo d’identità. È il luogo d’identità per eccellenza, è la storia entro la quale si colloca il nostro esistere e dunque l’opera si ha nel momento in cui la storia e il nostro esistere prendono corpo e sostanza in un’immagine, anzi in un “fermo immagine”, che contestualizza l’essere e la storia”.


Trieste, novembre 2010


FABIO MAURI. Un sognatore della ragione
Trieste, Scuderie del Castello di Miramare
3 dicembre 2010 - 27 febbraio 2011

GIORGIO DE CHIRICO. Un maestoso silenzio
Trieste, Scuderie del Castello di Miramare
3 dicembre 2010 - 27 febbraio 2011

Orari: tutti i giorni, dalle 9.00 alle 19.00; chiusura biglietteria un’ora prima

Biglietti: Intero: 8,00 €; Ridotto: 6,00 € (Per gruppi di almeno 15 persone, visitatori oltre i 65 anni, minori da 11 a 18 anni, studenti fino a 26 anni (con tesserino universitario), militari); Gratuito (per minori di 10 anni, portatori di handicap, un accompagnatore per ogni gruppo, due accompagnatori per ogni gruppo scolastico, un accompagnatore per disabile che presenti necessità, giornalisti iscritti all'albo).

Informazioni: tadino arte contemporanea tel. 02 36568821

Ufficio stampa
CLP Relazioni Pubbliche
tel. 02.433403 – 02.36571438 - fax 02.4813841
press@clponline.it; www.clponline.it

Comunicato stampa e immagini su www.clponline.it