"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust


03/12/2012 Tagli alla cultura, incontro pubblico al Visionario ven. 30 nov. ore 17

DOMANI VENERDÌ 30 NOVEMBRE ALLE ORE 17 AL VISIONARIO DI UDINE
INCONTRO PUBBLICO CONTRO I TAGLI ALLA CULTURA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

 
 Come annunciato da diversi giorni,  il Movimento 1% ha indetto per domani 30 novembre, al Visionario di Udine, dalle ore 17.00, un incontro a porte aperte per informare l'opinione pubblica sulla situazione e le conseguenze che i pesanti tagli già annunciati determinerebbero sulla vita culturale della nostra Regione.

In questi giorni si registra anche una grande mobilitazione e fermento sui social network, facebook e twitter in primis, e un'ampia richiesta da parte di molte realtà regionali di aderire al Movimento 1%. Domani 30 novembre al Visionario sarà predisposto un banchetto di raccolta adesioni che si vanno ad aggiungere alle moltissime ricevute via email.
 
Quella che la Giunta Tondo preannuncia è una Finanziaria con la scure che, per il 2013, sta per abbattersi sul reparto culturale della Regione Friuli Venezia Giulia. Pesanti tagli sono infatti stati annunciati nelle ultime settimane dall'Assessore Elio De Anna: tagli del 64% sulla spesa culturale del FVG, con un bilancio 2013 che potrebbe passare dai 34,3 milioni complessivi a disposizione del 2012 a 12,5 milioni per l'anno in arrivo ovvero si passerebbe dall'attuale 0,7% allo 0,2% della spesa corrente del bilancio regionale.
 
La gravità della manovra annunciata ha determinato l'immediata mobilitazione di tutte le organizzazioni e le realtà che operano nel settore culturale del Friuli Venezia Giulia dove le associazioni a tabella rischiano l'azzeramento e gli enti primari un taglio lineare al 50%, fatti che determinerebbero l'inevitabile collasso di un intero sistema e metterà seriamente a rischio il suo indotto.
 
Dal 19 novembre scorso si è aggregato  - con l'obiettivo comune di fermare i tagli ma anche per condividere con urgenza gli obiettivi sottoscritti in un documento unico che chiede nuove regole e strumenti per la razionalizzazione del sistema culturale in Friuli Venezia Giulia -  il Movimento 1% per una nuova pagina della cultura in FVG a cui in queste ore stanno aderendo i teatri, i festival culturali, cinematografici e musicali, le associazioni culturali e dello spettacolo dal vivo. L'1% è la percentuale di risorse, sul totale del budget della Regione Friuli Venezia Giulia, che il neonato Movimento auspica possa essere messa a disposizione di un settore strategico per la vita sociale come quello della cultura.
 
Ad oggi aderiscono al Movimento 1%:
ARTS Associazione Regionale Teatri e Spettacolo del FVG
a.Artistiassociati Impresa di produzione Teatrale – Circuito Regionale Danza; C.T.A. Centro Teatro Figura e Animazione; CSS Teatro stabile di innovazione del FVG ; Ente Regionale Teatrale del FVG ; Il Rossetti Teatro Stabile del FVG; La Contrada Teatro Stabile di Trieste; Teatro Miela coop. Bonawentura; Teatro Stabile Sloveno; Teatro Comunale di Monfalcone
con Teatro Verdi – Gorizia; C.E.C. Centro Espressioni Cinematografiche/Far East Film Festival; Cinemazero; Cineteca del Friuli; Le Giornate del Cinema Muto; Cappella Underground/ ScienceplusFictionFilm Festival; Alpe Adria Cinema/Trieste Film Festival; Associazione Maremetraggio; Premio Amidei; Palazzo del cinema di Gorizia; Chamber Music; Associazione Euritmica; Fondazione Luigi Bon; Nei Suoni nei Luoghi; Civica Accademia d'Arte Drammatica Nico Pepe; Teatro Club Udine; AssociazioneThesis/Festival Dedica; Associazione Onde Mediterranee; Associazione Anno uno/Festival I mille occhi; Vicino/lontano Associazione culturale; Teatro Pasolini di Cervignano; Folkest.