"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust


26/03/2007 Teatro Miela Trieste, fitto programma

Per il popolo del Miela un promemoria per la prossima settimana. Programma più completo su www.miela.it

lunedì 12 marzo, ore 21.21 - ingresso ¤ 5,00
L'ultimo lunedì della stagione di PUPKIN KABARETT, il punto di riferimento dell'autoironia triestina. Il cabaret globale su internet all'indirizzo www.rvnet.eu

mercoledì 14 marzo, ore 18.00 - ingresso libero
LA STAGIONE DEL RACCOLTO
La maturità della vita nel cinema /rassegna cinematografica per imparare a invecchiare bene.

Parte una nuova iniziativa promossa dall'ITIS, Azienda Pubblica di Servizi alla Persona, dall'ARIS, Associazione Ricerca Interventi Studi e da Bonawentura: 6 giornate, 6 film accompagnati e commentati da 6 personaggi della cultura cittadina. Una proposta rivolta a tutti perché tutti lentamente ci avviamo, in questa passeggiata che è la vita, verso una stagione da accogliere con un sorriso perché piena ancora di possibilità e di interessi.
Il primo incontro in programma, mercoledì 14 alle ore 18.00, ingresso libero, al Teatro Miela:
HAROLD E MAUDE
Regia: Hal Ashby, USA 1972, 90' Interpreti: Bud Cort, Ruth Gordon, Vivian Pickles, Cyril Cusack
Un ricco adolescente cervellotico e con tendenze necrofile incontra una scultrice ottantenne piena di vitalità che gli insegna ad amare la vita e accettare la morte. Divertente commedia accompagnata da una piacevole colonna sonora di Cat Stevens che illustra, con il tono della favola scanzonata, il diritto di ciascuno alla fantasia, all'eccentricità e soprattutto alla propria libertà individuale. Commento dello scrittore e scienziato prof. Giuseppe O. Longo. Il dibattito sarà moderato dal giornalista Fabio Amodeo.

giovedì 15, ore 21.00 per RITRATTI ITALIANI / TEATRO - Ingresso interi ¤ 15,00, ridotto ¤ 12,00
A QUEL CIELO LONTANO
IL MIO PASCOLI
con Giuseppe Battiston


Volto noto del cinema italiano, Beppe Battiston è noto al grande pubblico per le sue interpretazioni in film di successo, tra gli altri; La bestia nel cuore di Cristina Comencini (è il regista tv che vorrebbe redimersi artisticamente - Nomination ai Nastri d'Argento come Migliore attore non protagonista); Agata e la tempesta (in cui interpreta il rappresentante di vestiti marito di una ragazza disabile - Nomination al David di Donatello come Miglior attore protagonista) e Pane e Tulipani (l'idraulico che si improvvisa detective privato - Premio David di Donatello e Ciak d'oro come Miglior attore non protagonista), entrambi di Silvio Soldini. In questi giorni nelle sale con Uno su Due accanto a Fabio Volo.
vedi scheda spettacolo www.miela.it

venerdì 16 marzo - GIORNATA DEDICATA AL CINEMA FRANCESE
ore 9.00 -11.00 : Être et avoir di Nicolas Philibert, 2002, 104' , V.O. sott. italiani- ingresso libero
Esistono tuttora, in ogni regione francese, scuole con classi uniche, che raggruppano intorno allo stesso insegnante tutti i ragazzi di un paese, dall'asilo nido alla 1a superiore. Tra chiusura in se stessi e apertura sul mondo, questi piccoli gruppi condividono la vita quotidiana, uniti nei buoni e brutti momenti.
Questo film è stato girato in una di queste classi, nel bel mezzo dell'Alvernia.
ore 11.15 alle 13.00 : « Monsieur Ibrahim et les fleurs du Coran », di François Dupeyron, 2004, 94' , V.O. sott. italiani- ingresso libero
A Parigi, negli anni '60, Momo, un tredicenne, è all'improvviso lasciato a se stesso. Ha un unico amico, Monsieur Ibrahim, il droghiere arabo e filosofo di via Bleue. Quello gli farà scoprire la vita, le donne, l'amore e alcuni massimi principi.

ore 20.30: ingresso ¤ 2,00
Incontro con Julien SAMANI e il suo montatore Stratis Vouyoucas
Proiezione dei suoi film : Sur la Piste, 2006, 32 ' , Gran Premio ex-aequo Migliore corto metraggio documentario Festival Entrevues di Belfort, V.O. con sottotitoli in italiano realizzati da studenti in traduzione della SSLMIT, in collaborazione con Villa Medici a Roma..
Videocamera in spalla, riprese dirette, Sur la piste (In pista), corto/docu di Julien Samani, pone sull'universo delle periferie uno sguardo che cerca di svincolarsi da ogni pregiudizio. Seguendo le peregrinazioni di due ragazzi della Cité des 4000 a La Courneuve, ci regala un film incredibilmente vitale, che fa provare, ovvero capire attraverso una vera empatia, come la lunga costrizione a girare in tondo conduce a uscire dalla pistaŠ» (Le Monde)
a seguire
La peau trouée, 2004, 56', VOST, Gran Premio migliore lungo metraggio Belfort 2004, Gran Premio festival di Brives 2004, miglior opera prima festival di Nyon 2004, Premio Jean Vigo 2005.
Il regista si imbarca su un peschereccio, il Mirador al largo delle coste irlandesi insieme a cinque pescatori dell'isola d'Yeu e filma la vita quotidiana dell'equipaggio: i pasti consumati sottocoperta, i momenti di attesa, la sveglia notturna per gettare le esche, l'eccitazione e l'adrenalina del primo pesce mostruoso che abbocca. Le immagini violente della pesca ci fanno riflettere sul nostro rapporto con la vita animale. Un viaggio in apparenza ordinario che ci porta progressivamente fuori dal tempo, in una dimensione quasi mitica.

domenica 18 marzo, ore 10.00 - Ingresso libero
LA STAGIONE DEL RACCOLTO
La maturità della vita nel cinema /rassegna cinematografica per imparare a invecchiare bene
UNA STORIA VERA (The Straight Story)
Regia: David Lynch, USA, FR 1999, 111'
Interpreti: Richard Farnsworth, Sissy Spacek, Harry Dean Stanton
Qual è la cosa peggiore della vecchiaia? È il ricordo di quando eri giovane. Non c'è amarezza nelle nostalgiche parole di Alvin Straight, solo la consapevolezza che la vita scorre inesorabile e che il tempo si può fermare con la saggezza dello spirito e il revisionismo degli affetti. Attraversare mezza America a cavallo di un tagliaerba è l'unica sfida ancora possibile per il vecchio Alvin. Commento del prof. Stefano Fantoni, direttore della SISSA. Il dibattito sarà moderato dal giornalista Fabio Amodeo.
Alla fine della proiezione la ditta di ristorazione Camst offrirà un aperitivo agli spettatori.

lunedì 19 marzo, ore 20.30 OMAGGIO A ELFRIEDE JELINEK, Premio Nobel per la Letteratura 2004
con lo spettacolo:
NUVOLE. CASA
Traduzione: Luigi Reitani
Immagini: Tommasina Squadrito
Violoncello: Giovanna Famulari
Drammaturgia, interpretazione e regia: Maria Inversi
A seguire:
CONVERSAZIONE CON ELFRIEDE JELINEK videointervista a cura della prof. Renata Caruzzi (Università di Trieste), riprese e montaggio video: Antonio Giacomin, voce oversound Sandra Cosatto- Durata 40'
Produzione: SIL, Società Italiana delle Letterate.

Ingresso: ¤ 5,00
ogni spettatrice potrà usufruire di un accredito di cortesia (¤ 1,00) per il suo compagno o compagna.
La serata è in collaborazione con Bonawentura, Associazione culturale Spaesati, Cooperativa Sociale Cassiopea,
S.I.L. Società Italiana delle Letterate di Trieste, Amatissime Gruppo di lettura della Bottega del Mondo Senza Confini Brez Meja
e
Università di Trieste

Per il popolo del Miela un promemoria per la prossima settimana. Programma più completo su www.miela.it

lunedì 12 marzo, ore 21.21 - ingresso ¤ 5,00
L'ultimo lunedì della stagione di PUPKIN KABARETT, il punto di riferimento dell'autoironia triestina. Il cabaret globale su internet all'indirizzo www.rvnet.eu

mercoledì 14 marzo, ore 18.00 - ingresso libero
LA STAGIONE DEL RACCOLTO
La maturità della vita nel cinema /rassegna cinematografica per imparare a invecchiare bene.

Parte una nuova iniziativa promossa dall'ITIS, Azienda Pubblica di Servizi alla Persona, dall'ARIS, Associazione Ricerca Interventi Studi e da Bonawentura: 6 giornate, 6 film accompagnati e commentati da 6 personaggi della cultura cittadina. Una proposta rivolta a tutti perché tutti lentamente ci avviamo, in questa passeggiata che è la vita, verso una stagione da accogliere con un sorriso perché piena ancora di possibilità e di interessi.
Il primo incontro in programma, mercoledì 14 alle ore 18.00, ingresso libero, al Teatro Miela:
HAROLD E MAUDE
Regia: Hal Ashby, USA 1972, 90' Interpreti: Bud Cort, Ruth Gordon, Vivian Pickles, Cyril Cusack
Un ricco adolescente cervellotico e con tendenze necrofile incontra una scultrice ottantenne piena di vitalità che gli insegna ad amare la vita e accettare la morte. Divertente commedia accompagnata da una piacevole colonna sonora di Cat Stevens che illustra, con il tono della favola scanzonata, il diritto di ciascuno alla fantasia, all'eccentricità e soprattutto alla propria libertà individuale. Commento dello scrittore e scienziato prof. Giuseppe O. Longo. Il dibattito sarà moderato dal giornalista Fabio Amodeo.

giovedì 15, ore 21.00 per RITRATTI ITALIANI / TEATRO - Ingresso interi ¤ 15,00, ridotto ¤ 12,00
A QUEL CIELO LONTANO
IL MIO PASCOLI
con Giuseppe Battiston


Volto noto del cinema italiano, Beppe Battiston è noto al grande pubblico per le sue interpretazioni in film di successo, tra gli altri; La bestia nel cuore di Cristina Comencini (è il regista tv che vorrebbe redimersi artisticamente - Nomination ai Nastri d'Argento come Migliore attore non protagonista); Agata e la tempesta (in cui interpreta il rappresentante di vestiti marito di una ragazza disabile - Nomination al David di Donatello come Miglior attore protagonista) e Pane e Tulipani (l'idraulico che si improvvisa detective privato - Premio David di Donatello e Ciak d'oro come Miglior attore non protagonista), entrambi di Silvio Soldini. In questi giorni nelle sale con Uno su Due accanto a Fabio Volo.
vedi scheda spettacolo www.miela.it

venerdì 16 marzo - GIORNATA DEDICATA AL CINEMA FRANCESE
ore 9.00 -11.00 : Être et avoir di Nicolas Philibert, 2002, 104' , V.O. sott. italiani- ingresso libero
Esistono tuttora, in ogni regione francese, scuole con classi uniche, che raggruppano intorno allo stesso insegnante tutti i ragazzi di un paese, dall'asilo nido alla 1a superiore. Tra chiusura in se stessi e apertura sul mondo, questi piccoli gruppi condividono la vita quotidiana, uniti nei buoni e brutti momenti.
Questo film è stato girato in una di queste classi, nel bel mezzo dell'Alvernia.
ore 11.15 alle 13.00 : « Monsieur Ibrahim et les fleurs du Coran », di François Dupeyron, 2004, 94' , V.O. sott. italiani- ingresso libero
A Parigi, negli anni '60, Momo, un tredicenne, è all'improvviso lasciato a se stesso. Ha un unico amico, Monsieur Ibrahim, il droghiere arabo e filosofo di via Bleue. Quello gli farà scoprire la vita, le donne, l'amore e alcuni massimi principi.

ore 20.30: ingresso ¤ 2,00
Incontro con Julien SAMANI e il suo montatore Stratis Vouyoucas
Proiezione dei suoi film : Sur la Piste, 2006, 32 ' , Gran Premio ex-aequo Migliore corto metraggio documentario Festival Entrevues di Belfort, V.O. con sottotitoli in italiano realizzati da studenti in traduzione della SSLMIT, in collaborazione con Villa Medici a Roma..
Videocamera in spalla, riprese dirette, Sur la piste (In pista), corto/docu di Julien Samani, pone sull'universo delle periferie uno sguardo che cerca di svincolarsi da ogni pregiudizio. Seguendo le peregrinazioni di due ragazzi della Cité des 4000 a La Courneuve, ci regala un film incredibilmente vitale, che fa provare, ovvero capire attraverso una vera empatia, come la lunga costrizione a girare in tondo conduce a uscire dalla pistaŠ» (Le Monde)
a seguire
La peau trouée, 2004, 56', VOST, Gran Premio migliore lungo metraggio Belfort 2004, Gran Premio festival di Brives 2004, miglior opera prima festival di Nyon 2004, Premio Jean Vigo 2005.
Il regista si imbarca su un peschereccio, il Mirador al largo delle coste irlandesi insieme a cinque pescatori dell'isola d'Yeu e filma la vita quotidiana dell'equipaggio: i pasti consumati sottocoperta, i momenti di attesa, la sveglia notturna per gettare le esche, l'eccitazione e l'adrenalina del primo pesce mostruoso che abbocca. Le immagini violente della pesca ci fanno riflettere sul nostro rapporto con la vita animale. Un viaggio in apparenza ordinario che ci porta progressivamente fuori dal tempo, in una dimensione quasi mitica.

domenica 18 marzo, ore 10.00 - Ingresso libero
LA STAGIONE DEL RACCOLTO
La maturità della vita nel cinema /rassegna cinematografica per imparare a invecchiare bene
UNA STORIA VERA (The Straight Story)
Regia: David Lynch, USA, FR 1999, 111'
Interpreti: Richard Farnsworth, Sissy Spacek, Harry Dean Stanton
Qual è la cosa peggiore della vecchiaia? È il ricordo di quando eri giovane. Non c'è amarezza nelle nostalgiche parole di Alvin Straight, solo la consapevolezza che la vita scorre inesorabile e che il tempo si può fermare con la saggezza dello spirito e il revisionismo degli affetti. Attraversare mezza America a cavallo di un tagliaerba è l'unica sfida ancora possibile per il vecchio Alvin. Commento del prof. Stefano Fantoni, direttore della SISSA. Il dibattito sarà moderato dal giornalista Fabio Amodeo.
Alla fine della proiezione la ditta di ristorazione Camst offrirà un aperitivo agli spettatori.

lunedì 19 marzo, ore 20.30 OMAGGIO A ELFRIEDE JELINEK, Premio Nobel per la Letteratura 2004
con lo spettacolo:
NUVOLE. CASA
Traduzione: Luigi Reitani
Immagini: Tommasina Squadrito
Violoncello: Giovanna Famulari
Drammaturgia, interpretazione e regia: Maria Inversi
A seguire:
CONVERSAZIONE CON ELFRIEDE JELINEK videointervista a cura della prof. Renata Caruzzi (Università di Trieste), riprese e montaggio video: Antonio Giacomin, voce oversound Sandra Cosatto- Durata 40'
Produzione: SIL, Società Italiana delle Letterate.

Ingresso: ¤ 5,00
ogni spettatrice potrà usufruire di un accredito di cortesia (¤ 1,00) per il suo compagno o compagna.
La serata è in collaborazione con Bonawentura, Associazione culturale Spaesati, Cooperativa Sociale Cassiopea,
S.I.L. Società Italiana delle Letterate di Trieste, Amatissime Gruppo di lettura della Bottega del Mondo Senza Confini Brez Meja
e
Università di Trieste


Info: Teatro Miela Piazza Duca degli Abruzzi ' - 34132 Trieste
Tel. 040/365119; fax: 040/367817
e-mail: teatro@miela.it www.miela.it