"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust


24/02/2012 Terroni d’Italia. Teatro Palamostre Udine

Akrópolis 12, percorsi di teatro civile
STAGIONE TEATRALE 2011_2012

UDINE – TEATRO PALAMOSTRE

MARTEDI 21 FEBBRAIO 2012 - ore 21:00

Terroni d’Italia

di Fulvio Cauteruccio e Giuseppe Mazza


con
Fulvio Cauteruccio
e
Laura Bandelloni, Massimo Bevilacqua,
Umberto D’Arcangelo, Francesco De Francesco

costumi Massimo Bevilacqua
luci e scene Loris Giancola
tecnico di scena Claudio Signorini

regia Fulvio Cauteruccio

una produzione Compagnia Teatrale Krypton
in collaborazione con Festival delle Colline Torinesi


E’ in arrivo al Palamostre di Udine il corrosivo spettacolo “Terroni d’Italia”, ultimo nato della compagnia calabro-toscana Krypton dei fratelli Cauteruccio, una delle più significative compagini del teatro italiano di ricerca, anche sul piano della ricerca linguistica. Recitato da cinque attori (Fulvio Cauteruccio, con Laura Bandelloni, Massimo Bevilacqua, Umberto D’Arcangelo, Francesco De Francesco), il lavoro ricorre infatti ad un mosaico di suoni pescati dai dialetti calabrese, veneto, siciliano, lombardo, napoletano e piemontese: una babele di parlate coerente con l’intreccio di storie e culture particolari che improntavano la penisola italiana, già all’indomani dell’unità nazionale.
Al centro dello spettacolo, scritto dallo stesso Fulvio Cauteruccio con Giuseppe Mazza, sono sotto esame infatti le conseguenze più amare di quella unificazione, che tra i suoi fatti più significativi comportò anche la snaturamento del sud e, da quelle terre, l’emigrazione al nord. Sotto esame sono anche le scelte diplomatiche attuate dai Savoia, che anche Dostoevskij nel diario del suo viaggio in Italia del 1870 criticò aspramente, rintracciando in esse la causa della “creazione di un regno di secondo ordine”.
Da Quarto fino alla caduta della piazzaforte di Gaeta, si ripercorrono dunque alcuni dei principali accadimenti che hanno portato all’Unità d’Italia, anche attraverso immagini video di repertorio e brani tratti dagli ultimi studi condotti sui carteggi di Cavour. Studi che danno di quegli eventi una nuova lettura e rendono dignità alla popolazione e alla terra economicamente forte del Regno Borbonico – nel 1856 all’Expo di Parigi esso fu premiato come terzo stato più avanzato d’Europa - che venne insanguinato e saccheggiato in nome di superiori interessi nazionali. Il fenomeno del brigantaggio, reputato fino ad ora negativamente, assume così la connotazione di una vera e propria lotta partigiana durata ben otto anni.
Dopo le giuste celebrazioni per i 150 anni d’Italia, lo spettacolo apre ora i retroscena di una sorta di controstoria, che qui è condotta dal punto di vista di Pippo, che dal sud sogna di fare l’attore al nord, dopo aver individuato nelle Baccanti di Euripide, viste al teatro greco di Siracusa, una sorta di traccia allusiva dei fatti e dei personaggi del Risorgimento: Cavour, Vittorio Emanuele II, Garibaldi, Francesco II di Borbone, Maria Sofia. Ma il sogno non si avvererà in questo spettacolo, che non mette in discussione l’unità nazionale, ma ne evidenzie le pieghe di disincanto e vuole alzare anche un inno e un omaggio a quelle popolazioni che hanno grandemente contribuito alla creazione dello Stato, ma che a tutt’oggi sono considerate sovente di serie B.

Biglietteria: Udine, Teatro Palamostre, piazzale Diacono 21
tel. 0432 506925 fax 0432 504448 info@teatroclubudine.it
Orario: dal martedì al sabato ore 17.30 - 19.30
Prevendita on line anche sul circuito Vivaticket www.vivaticket.it
Le sere di spettacolo la biglietteria del teatro dove si svolge la rappresentazione apre un’ora prima dell’inizio.
Organizzazione:
TEATRO CLUB UDINE Udine, via Marco Volpe, 13
tel. 0432 507953 fax 0432 507953 info@teatroclubudine.it www.teatroclubudine.it

TeatroClub Udine


Akrópolis 12, percorsi di teatro civile
STAGIONE TEATRALE 2011_2012
con il sostegno
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone
Comune di Udine – Assessorato alla Cultura
E.R.Di.S.U. - Udine
in collaborazione con
CSS teatro stabile di innovazione del FVG -Teatro Contatto n. 30
Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia
Civica Accademia di’Arte Drammatica “Nico Pepe”