"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust

 
6164    arte    

PONTUS HULTEN, Karl Gunnar. The machine as seen at the end of the mechanical age. New York, The Museum of Modern Art, 1968.

Cm. 24,5 x 21,7; copertina metallica in latta litografata stampata a colori; pagine (2), 218 con riproduzioni in bianco nero. Curioso catalogo della mostra, un'indagine accurata del rapporto degli artisti con la macchina meccanica, secondo Hulten già superata nel '68. “This exhibition is dedicated to the mechanical machine, the great creator and destroyer, at a difficult moment in its life when, for the first time, its reign is threatened by other tools” pagina 6. Comprende, tra altro, la rara documentazione di Homage to New York, storica installazione di una scultura meccanica autodistruttiva di Jean Tinguely, al Moma nel 1960, realizzata con l'ingegnere Billy Kluver che scrisse poi un saggio sull'evento e qui pubblicato, “The Garden party ”. Copia in ottimo stato.
230,00 €