"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust

Op Losse Schroeven situaties e
5352    arte    

Op Losse Schroeven situaties en cryptostructuren. Amsterdam, Stedelijk Museum, cat. nr. 457, 1969.

Cm. 27,5 x 21; il volume è composto da due parti distinte e contenute da un'unica copertina più volte ripiegata; alla prima apertura, le due parti che compongono il catalogo risultano parallele; una prima parte contiene i testi e le riproduzioni fotografiche in bianco nero; 'a fronte' corrisponde un fascicolo di fogli con la riproduzione in facsimile dei progetti originali degli Artisti inviati al curatore della mostra; la 1a parte è legata con punto metallico, pagine (64) non numerate e di carte diverse; la 2a parte è legata con borchie metalliche, pagine (78) non numerate, tutte illustrate in nero. Gli artisti: Giovanni Anselmo, Ben d'Armagnac, Boezem, Bill Bollinger, Michael Buthe, Pier Paolo Calzolari, Gerrit Dekker, Jan Dibbets, Ger van Elk, Pieter Engels, Barry Flanagan, Bernhard Höke, Paolo Icaro, Immo Jalass, Olle Kaks, Hans Koetsier, Roelof Louw, Bruce Mac Lean, Mario e Marisa Merz, Bruce Nauman, Panamarenko, Emilio Prini, Bob Ryman, Gianni Emilio Simonetti, Frank Viner, Lawrence Weiner, Gilberto Zorio. Testi di Win A. L. Beeren, Harald Szeemann e Piero Gilardi. Vedi, G. Maffei. Libri e documenti. Arte povera 1966-1980, Mantova 2007, p. 208.
380,00 €