"Quando si lavora per piacere agli altri si può non raggiungere lo scopo ma le cose che si compiono per far piacere a noi stessi hanno sempre la probabilità di interessare qualcuno."
Marcel Proust


29/04/2015 al MAXXI di Roma video dalla RAVE Residency Friuli

Dai colli friulani a Roma:
al Museo MAXXI presentazione del video
La oveja negra realizzato alla RAVE Residency 2014
dall'artista Regina Josè Galindo


evento inserito nel ciclo di incontri
Incontrollabile Bellezza: la condizione contemporanea dell'arte

Parteciperanno all'incontro
Regina Josè Galindo artista
Benedetta Carpi De Resmini curatrice
Tiziana Pers artista
Cecilia Canziani co-direttrice artistica Nomas Foundation, Roma
Diego Sileo curatore PAC Padiglione d'Arte Contemporanea, Milano
Giuseppe Garrera collezionista e professore Storia dell'Arte
Modera gli incontri Hanru Hou Direttore Artistico MAXXI

Martedì 28 aprile, inizio ore 17.00
Galleria 3 del MAXXI


All MAXXI Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma verrà presentato martedì 28 aprile il video La oveja negra realizzato alla RAVE East Village Artist Residency dello scorso anno a Torreano di Cividale dall'artista ospite, la guatemalteca Regina Josè Galindo, già Leone d'Oro alla biennale di Venezia.

L'evento è inserito nell'ambito del ciclo di incontri, Incontrollabile Bellezza: la condizione contemporanea dell'arte, moderati da Hanru Hou, Direttore Artistico MAXXI, che avranno luogo con inizio alle ore 17.00 presso la Galleria 3 del museo.

Durante l'incontro verrà proiettato anche il video Inside the Circle realizzato da Adrian Paci per l'edizione RAVE 2011.

Dopo la presentazione seguirà un dibattito su arte, azione e animalità con la partecipazione di Regina Josè Galindo, Benedetta Carpi De Resmini, curatrice, Tiziana Pers, artista, Cecilia Canziani co-direttrice artistica Nomas Foundation di Roma, Diego Sileo, curatore PAC Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano e Giuseppe Garrera collezionista e professore di Storia dell'Arte.

RAVE East Village Artist Residency è la prima residenza che apre la discussione sul ruolo e sulla responsabilità dell'arte contemporanea nei confronti dell'alterità animale e sulla necessità di ripensarsi in una prospettiva biocentrica e antispecista.

La Galindo, che nelle sue performance ha sempre affrontato il dolore di coloro che il potere voleva ridurre al silenzio e all'oblìo, ne La oveja negra ridona una forte voce agli ultimi per eccellenza: gli animali. Voce che, dalle colline del Friuli dove si è svolta la performance, durante l'azione era giunta all'ex-macello Museo MACRO Testaccio di Roma tramite una diretta streaming a cura di Benedetta Carpi De Resmini.
L'artista guatemalteca parte proprio da una figura cara alle terre friulane, quel Pier Paolo Pasolini che il giorno prima di essere ucciso nella sua ultima intervista disse: ''Piacerebbe anche a me se tutto si risolvesse nell'isolare la pecora nera. Le vedo anch'io le pecore nere. Ne vedo tante. Le vedo tutte. Ecco il guaio''.
Dal testo di Tiziana Pers: ''La oveja nega _ La pecora nera rappresenta la prima azione nel percorso dell'artista in cui l'alterità animale diventa centrale. E lo è in una doppia veste: se da un lato la pecora nera si fa metafora del diverso, dell'outsider, dell'intellettuale dissidente che non può essere ridotto al silenzio (in senso biografico e sociale al tempo stesso, come solo ai grandi artisti è dato fare) la pecora nera è altrettanto ‘il più diverso, l'altro, il mostruosamente altro, l'altro irriconoscibile' (da Jacques Derrida La Bestia e il Sovrano). La pecora nera è l'altro da noi, e per l'essere umano ogni animale in fondo è una pecora nera.
‘Sotto gli ambiti in cui crepano a milioni i coolie della terra, andrebbe poi rappresentata l'indescrivibile, inimmaginabile sofferenza degli animali, l'inferno animale nella società umana, il sudore, il sangue, la disperazione degli animali' (Max Horkheimer, Il grattacielo, da Crepuscolo).
E la Galindo lo fa in modo fisico, e concreto. L'artista diventa monumento vivente. Si fa scultura pulsante e immota, radicata nella nuda terra. Per un'ora i suoi arti restano interrati e lei assume le sembianze antropomorfe di una pecora dai capelli scuri, in una ibridazione impossibile. L'artista viva, ma fatta pietra, come monumento alle pecore nere di ogni tempo, alle voci alto levate che per questo furono ‘passate per le armi'.
Insieme a lei una dozzina di pecore salvate dal macello, con i propri agnellini, condividono il momento. Abituate da tempo a vivere in completa libertà su di una vasta collina gestita da un'attivista, vedono il temporaneo margine di un recinto costruito per la performance all'interno di una conca naturale, un anfiteatro adatto a rituali pagani, dove il simulacro è umano.''
L'artista, che nella performance si era fatta interrare in modo da assumere le sembianze di una scultura, ha successivamente realizzato il video dell'azione.

L'incontro è realizzato con il supporto della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. In collaborazione con Trieste Contemporanea, Gallinae in Fabula, Musiz Foundation, Hope, Ukkosen Teatteri  e OIPA. Main partner Vulcano unità di produzione contemporanea.


link:
http://www.fondazionemaxxi.it/2015/04/21/lincontrollabile-bellezza-la-condizione-contemporanea-dellarte/#

info:
+39.324.8628511

RAVE East Village Artist Residency
Trivignano Udinese (Ud)
Italy
www.raveresidency.com